RECENSIONI

Gemelli veristici di Plzen con due ospiti dall'Italia

Paolo Lardizzone si è presentato come Canio dopo il successo del suo Turiddu.

"Tre settimane fa, il Teatro d’Opera di Pilsen ha presentato due anteprime di “Cavalleria rusticana” di Pietro Mascagni e “Pagliacci” di Ruggero Leoncavallo - 26 e 27 Gennaio. La seconda premiere è stata arricchita dalla presenza, nel ruolo di Turiddu, del tenore italiano Paolo Lardizzone. A Plzen non è del tutto sconosciuto, ha interpretato il ruolo di Radames nella precedente premiere di “Aida” di Verdi, in alternanza con Rafael Alvarez. Come Turiddu mi ha più che piacevolmente sorpreso, la sua interpretazione è stata ammirevole. Nella successiva ripresa del 12 Febbraio, dopo il successo del suo Turiddu, si è anche esibito per la prima volta nel ruolo drammatico di Canio in “Pagliacci” di Leoncavallo, fin dai tempi di Enrico Caruso e Benjamin Gigli, il ruolo onirico dei tenoristi nella fase iniziale. […]

Dopo la sua prestazione come Turiddu ero pieno di aspettative e posso davvero dire che Paolo Lardizzone non le ha deluse. E’ stato un vero piacere ascoltare il bel colore della sua voce di tenore, voluminosa, portante, sicura di sé in tutte le posizioni. […]

La famosissima aria “Vesti la giubba”, nel suo apice, si illuminava in frasi meravigliosamente arcuate. Il pubblico, che abilmente (!) ha aspettato l'orchestra, ha immediatamente lanciato un lungo ma meritato applauso, con molte chiamate di “Bravo!". La performance di canto raramente si fonde con una recitazione realistica, ma in quella di Paolo Lardizzone ho creduto davvero. […].

Il suo "tenore meridionale" illuminato dal sole italiano ha una moneta simile a quella di José Cura nella sua produzione a Český Krumlov: crea tutto con assoluta facilità, con una sensazione di estrema felicità nei toni più alti e negli acuti. Questo rende le sue prestazioni piacevoli, perché la forza non è ottenuta dalla pressione ma dalla risonanza con un’assoluta sensazione di leggerezza!"

 

                                                                                                                                                                            JIŘÍ FUCHS, Opera+ 13.02.2015

 

L’italiano Mario Cavaradossi e la slovacca Floria Tosca all’Opera SND

"Il 31 ottobre 2019, il Teatro Nazionale d’Opera Slovacca ha eseguito una ripresa della “Tosca” di Puccini per la regia di Martin Bendik. Vera e propria calamita per il pubblico è stata la partecipazione del tenore italiano Paolo Lardizzone, che lavora principalmente in Repubblica Ceca.

Ho seguito le sue esibizioni a Banská Bystrica, dove come Cavaradossi insieme a Jolana Fogašová ha formato il duo di interpreti principali di successo nella produzione di “Tosca”, quindi nella premiere di “La Gioconda” di Ponchielli, sempre con lo stesso soprano, e per la terza volta si sono esibiti sempre insieme in “Cavalleria rusticana” di Mascagni. Inoltre, ho ascoltato il tenore a Plzeň nell’pera “Iris” di Mascagni, nei panni di Osaka.

Paolo Lardizzone è sicuramente il miglior tenore italiano, che si sposta tra la Repubblica Ceca e la Slovacchia. La sua più grande risorsa sono i bei toni alti (alto e medio alto) [...]

Nella nostra “sofferenza da tenore” parlando di tenore spinto, Lardizzone è sicuramente una benedizione anche per i teatri lirici slovacchi.

Tuonava proprio nella “Recondita armonia” d’apertura, poi nel primo duetto con Tosca e nel successivo Si acuto nella scena con Angelotti.

La sua “Vittoria!” potrebbe essere superata solo dal tono ancora più impressionante di Ignacio Encinas, l'antico ornamento dei Giochi del Castello di Zvolen. La famosa aria “E lucevan le stella” è stata resa molto drammatica, ma nei successivo “O dolci mani” e poi nel seguente duetto con Tosca, ha dato un po 'più di morbidezza e fervore.

Sebbene al Teatro Nazionale Slovacco in questa “Tosca” sia stato diretto in un modo completamente diverso rispetto a Banská Bystrica, si è adattato bene alla situazione e risultava rilassato e a suo agio.

Complessivamente, le sue prestazioni soddisfano i più elevati criteri."

                                                                                                                                                         VLADIMÍR BLAHO, Opera Slovakia 01.11.2019

 

 

"67° Stagione Lirica Sperimentale di Spoleto. Tosca memorabile"

"Le romanze di Tosca e Mario Cavaradossi sono di una potenza ineludibile. Dalla "Recondita armonia” di Cavaradossi, a "Vissi d'arte” di Tosca al finale clamoroso di "E lucevan le stelle”, sono una serie di brividi inaspettati che smuovono e commuovono le fila con le doti canore di Paolo Lardizzone e Chiara Isotton."

 

                                                                                                                                                                                                                                                         LIVIA BIDOLI, 08.10.2013

 

"Turandot" di Puccini - Ekaterinburg State Academic Opera and Ballet Theatre

Sito ufficiale dell'Amministrazione della Cultura dell'Amministrazione di Ekaterinburg

“Sorprendentemente potente il suono "eroico" del Principe Calaf del Tenore Guest Star Paolo Lardizzone: già con la sua voce dominante, l'italiano conquista i cuori di tutti i presenti in sala, per non parlare, poi, della sua postura regale e dello sguardo letteralmente di fuoco.” 

 

                                                                                                                                                                           © Культура Екатеринбурга - афиша, новости, репортажи

                                                                                                                           © Cultura Ekaterinburg-poster, notizie, reportage - 12.09.2018


 

Cantando "La Gioconda" in Banská Bystrica

"[…] Il tenore italiano Paolo Lardizzone (Enzo Grimaldo), al quale si affidano principalmente i teatri della Repubblica Ceca, è apparso quasi divampante di fuoco, sanguigno e senza la minima forzatura nelle "ardenti" note alte. Ma non ha spiccato solo per gli acuti, che non destavano il minimo dubbio per il colore pieno, la forza ed il volume, ma anche per l'autentico fraseggio all’italiana, il libero flusso della voce nel registro centrale, la capacità di fornire all'espressione autentici accenti drammatici che hanno portato la prestazione di Lardizzone in sfere che non abbiamo mai prima ascoltato sui palcoscenici slovacchi. […]"

                                                                                                                                                                                                                   PAVEL UNGER, Opera Slovakia 28.04.2018

CARMEN. CONFESSIONI DI UN BRIGADIERE

"I momenti più intensi sono indubbiamente stati i duetti lirici fra il giovane José e la bella Carmen. I due interpreti, Paolo Lardizzone e Serena Pasqualini, si distinguono per aver restituito fedelmente i caratteri complessi dei due personaggi disegnati da Mérimeé e Bizet. Un plauso particolare va a Paolo Lardizzone che, dopo un primo tempo non del tutto convincente, sfodera una potenza e un uso magistrale delle capacità vocali ma anche di interprete, donando al suo José tutte le più diverse sfumature emotive da cui è animato."

                                                                                                                                                                                                           Simona Ventura, PERSINSALA 18.04.2018

La premiere della "Tosca" di Puccini all'Opera di Stato di Banská Bystrica è stata un successo

 

"Paolo Lardizzone (Cavaradossi) ha cantato bene, anche se nei primi passaggi, abbiamo notato un leggero vibrato nella sua voce. Nell'aria “Recondita armonia” del primo atto ha espresso la positività e l’apertura alla vita, mentre nell'aria “E lucevan le stelle” del terzo atto, al contrario, ha cantato in modo convincente il calore del silenzio dopo la vita e l’addio ad essa. Come attore ha efficacemente interpretato Cavaradossi come un uomo disposto a sacrificare la vita per l'ideale della libertà."

                                                                                                                                                                                                                          STANISLAV VANĚK, Opera+ 17.10.2016

Tosca, mi fai dimenticare Iddio

"Il giovane tenore italiano Paolo Lardizzone ha un repertorio sorprendentemente ricco, dal ruolo di Alfredo a quello di Radames. Oltre a quello meno significativo stranieri teatri canta In Repubblica Ceca canta nei Teatri di České Budějovice e Plzeň. Il suo Cavaradossi ha molti aspetti della tradizione interpretativa italiana: oltre all'affetto per vokálnu frase e un'abitudine di cantare (altrimenti grande) altezza punto di vista. Con lui il regista che ha avuto il più natrápiť, ma l'impressione finale è anche dopo hereckej pagina abbastanza soddisfacente. La sua voce non è quella a cui siamo generalmente abituati per il ruolo di Cavaradossi. E’ un tenore lirico e relativamente chiaro, ma rende perfettamente tutte le sfumature della partitura del ruolo."

                                                                                                                                                                                                            VLADIMÍR BLAHO, Opera Slovakia 16.10.2016

Eva Urbanová a Pilsen ha ripresentato Santuzza

"Paolo Lardizzone è un tenore italiano di grande talento che nel ruolo di Turiddu mostra fin da subito di possedere un bellissimo timbro di tenore spinto, risuonante e con un perfetto stile belcantistico. Ammirevole la leggerezza e al tempo stesso lo splendido suono nei suoi slanci, nelle grandi altezze, sotto ogni aspetto una “voce all’italiana”. In entrambi i ruoli, Turiddu e Canio, si dimostra un cantante dal canto privo di sforzo, si potrebbe dire quasi naturale. Un cantante affidabile e scenicamente generoso. Dopo la lunga aria di Canio “Vesti la giubba”, eseguita in modo del tutto convincente, con splendidi suoni nel registro alto e meravigliosi acuti, ha fatto scattare nel pubblico un enorme applauso e lunghe chiamate di “bravo”, che hanno quasi preso il sopravvento sullo spettacolo."

                                                                                                                                                                                                                                           JIŘÍ FUCHS, Opera+ 20.03.2016

"Aida" nella Boemia del sud, dopo un´attesa lunga mezzo secolo

"Paolo Lardizzone come Radames è stato scoperto dal DJKT di Pilsen, dove si è esibito nella premiere di “Aida” e, poco dopo, ha affascinato il pubblico nel ruolo di Turiddu e Canio, resi con il massimo del verismo. Paolo Lardizzone è un meraviglioso tenore spinto suggestivi colori meridionali, con una "voce di testa" lucente, risonante e con estrema sicurezza e padronanza degli acuti. […]"

                                                                                                                                                                                JIŘÍ FUCHS, Opera+ 09.05.2015

Verismo nel modo di Plzen – "Cavalleria rusticana" e "Pagliacci"

"Questa sera è stato invitato nel ruolo principale di Cavalleria rusticana, in sostituzione dell’indisposto Rafael Alvarez, il tenore l'italiano Paolo Lardizzone. E' stata una piacevole sorpresa. Il ruolo gli si addice pienamente, può contare su un suono forte e sano. Le note alte sono belle, risuonanti, ricche di colori. E’ stata una prestazione molto buona, non abbiamo “in casa” un tenore così, ma vorrei anche aggiungere che sembra più che improbabile che un cantante così ben equipaggiato non abbia la possibilità di avere successo nell'attuale ambiente operistico di rilievo."

                                                                                                                                                                                                                               Harmonie Online - 28 Gennaio 2015

Plzeň: "Cavalleria rusticana" e "Pagliacci"

"[…] Personalmente ho apprezzato il fatto che, giorno dopo giorno, Paolo Lardizzone sia riuscito ad affrontare e gestire perfettamente ruoli differenti, rivelandosi estremamente affidabile e regalando sempre prestazioni di alto livello. Come In occasione di questa seconda première dove, anche dopo la sua inattesa apparizione come Turiddu e un'intera settimana completamente piena di impegni, appariva "pieno di energia" e al top della forma. Mi chiedo davvero come possa fare. […]

[…] quest'anno, il 2015, ancora una volta è Paolo Lardizzone ad eccellere come Turiddu, con una prestazione che lascia semplicemente senza fiato ed a bocca aperta. Pertanto, con la mia bocca ancora aperta, dico che non vedo spesso prestazioni simili nell’ambito ceco."

                                                                                                                                                                             JIŘÍ FUCHS, Opera+ 26.01.2015

  • Paolo Lardizzone Tenore
  • Paolo Lardizzone

© 2023 by Classical Musician. Proudly created with Wix.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now